Tradizionalmente esistono tre tipologie di taglio della pelle, che vengono scelte a seconda delle modalità produttive. Il primo tipo di taglio, utilizzato solo in prototipia e modelleria, è il taglio a mano realizzato da artigiani altamente specializzati e di comprovata esperienza. Questi maestri del taglio sono in grado di tagliare la pelle con un utilizzo chirurgico di un taglierino. In alcune linee produttive, invece, si utilizza il taglio di tipo automatico, dove macchinari a controllo numerico, dotati di teste e lame, tagliano la pelle secondo la proiezione della forma che la macchina stessa realizza sulla pelle. Infine, esiste il taglio che potremmo definire di tipo più diffuso, nel quale è previsto l’utilizzo di fustelle. Questa tipologia è utilizzata soprattutto per tagliare le diverse parti di specifici modelli di borse, che il taglio a macchina non consentirebbe di realizzare. Il taglio con le fustelle, infatti, garantisce un’attenzione maggiore sulla precisione del taglio stesso.